Canada: 68% della popolazione favorevole alla legalizzazione

Cresce anche in Canada la percentuale dei cittadini favorevoli alla leglizzazione. Lo conferma un nuovo sondaggio, curato recentemente dalla Nanos Research per conto del quotidiano Globe and Mail. Ne emerge una media nazionale di SÌ pari al 68 per cento, con un picco del 75 per cento nella provincia della British Colombia (soprattutto a Vancouver).

 

Canada Poll 3/16

 

Dal sondaggio (basato su un campione di 1.000 interpellati) emerge anche la preferenza per la vendita al dettaglio in farmacie o dispensari ad hoc, piuttosto che nei comuni negozi di liquori, opzione proposta invece dal Primo Ministro della provincia dell’Ontario, Kathleen Wynne. Da notare che l’attuale premier nazionale, Justin Trudeau, ha promesso una qualche forma di regolamentazione fin dal 2013. Il governo ‘liberal’ sembra insomma aver convinto la popolazione che questa è la strada giusta, pur se vanno ulteriormente verificate le opionioni sul campo soprattutto rispetto ai prossimi passi concreti.

Per esempio, il 51 per cento dei canadesi teme che la legalizzazione porterà all’incremento dell’uso (e abuso) da parte dei minori di 21 anni, mentre d’altra parte il 57 per cento non la considera più una “droga di passaggio” verso le le droghe pesanti, come continuano a sostenere certi esperti e politici. Altro punto cruciale sarà stabilire chi potrà coltivarla e venderla al pubblico. Dallo stesso sondaggio risulta che il 49 per cento si dice d’accordo su un sistema di auto-coltivazione, mentre il 48 per cento vi si oppone.

Viste le analoghe tendenze in corso negli Stati Uniti, il sondaggio e l’approccio delle autorità canadesi ribadiscono così le chiare intenzioni dei cittadini nord-americani.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail